Categorie
Uncategorized

Le ceneri di Angela, di Frank McCourt

Ecco la traduzione del brano tratto da “Le ceneri di Angela”. Il testo è stato preso in considerazione per via dell’intelligente uso del linguaggio familiare e dell’italiano regionale per rendere alcune specificità nordirlandesi. Buon lavoro!

Ceneri_Angela

Papà spinge la porta ed ecco vediamo nonno McCourt che si beve il tè da una grossa tazza e nonna McCourt occupata a friggere.

Och, dice Nonno, di nuovo qua stai.

Och, dice Papà, siam tornati. Poi indica mia madre: Vi presento Angela. Nonno dice: Och, Angela, sarai stanca morta. Nonna non dice niente e riprende a trafficare con la padella. Nonno ci fa strada e dalla cucina ci fa accomodare in una grande stanza con un tavolone lungo e delle sedie. Sedetevi, dice, che adesso arriva il tè. Li volete i boxty?

Che sono i boxty? chiede Malachy.

Papà ride. Son le frittelle, ninì. Le frittelle di patate.

Nonno dice: Ci son le uova. Oggi è Pasqua, perciò potete mangiare tutte le uova che vi entrano in pancia.

Prendiamo il tè con le frittelle e le uova sode, dopodiché ci addormentiamo tutti quanti. Quando mi sveglio mi ritrovo in un letto insieme con Malachy e i gemelli. I miei genitori dormono in un altro letto vicino alla finestra. Mamma russa e fa hiii, Papà russa e fa hooo. Mi alzo e scrollo un po’ mio padre per svegliarlo: Devo fare la pipì. Falla nel vaso da notte, dice lui.

Eh?

Sotto al letto, ninì. Nel vaso da notte. Quella cosa con sopra le rose e le tose che saltellano nella valle. Falla lì dentro, la pipì.

Io vorrei fargli altre domande perché anche se mi scappa da morire mi fa una strana impressione fare la pipì in un vaso con sopra le rose e le tose nella valle, chiunque siano.

(Traduzione di Claudia Valeria Letizia)

Eh?

Sotto al letto, ninì. Nel vaso da notte. Quella cosa con sopra le rose e le tose che saltellano nella valle. Falla lì dentro, la pipì.

Io vorrei fargli altre domande perché anche se mi scappa da morire mi fa una strana impressione fare la pipì in un vaso con sopra le rose e le tose nella valle, chiunque siano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.