Categorie
Uncategorized

Traduzione “Cronaca di una morte annunciata” di Marquez

Il giorno che l’avrebbero ucciso, Santiago Nasar si alzò alle cinque e mezzo del mattino per aspettare la nave che trasportava il vescovo. Aveva sognato di attraversare un bosco di alberi tropicali dove cadeva una leggera pioggerellina, e per un istante si sentì felice nel sogno, ma quando si svegliò si sentì tutto sporco di cacca di uccelli. «Sognava sempre gli alberi», mi disse sua madre Placida Linero, ricordando dopo ventisette anni i dettagli di quel lunedì ingrato. «La settimana precedente aveva sognato che andava da solo su un aereo di carta stagnola che volava libero tra i mandorli», mi raccontò. Aveva un’ottima reputazione di interprete fidata dei sogni degli altri, a patto che glieli raccontassero a digiuno, ma non aveva mai avvertito nessun presagio infelice in quei due sogni di suo figlio, né negli altri sogni dove comparivano gli alberi che lui gli aveva raccontato i giorni prima della sua morte.

Neanche Santiago riconobbe il presagio. Aveva dormito poco e male, senza neanche togliersi i vestiti, e si svegliò con mal di testa e con un rimasuglio di staffe di rame sul palato, e li prese come gli strascichi normali della festa di nozze che era durata fin dopo la mezzanotte. Non solo, le tante persone che incontrò da quando uscì da casa sua alle sei e cinque fino a quando fu ucciso come un maiale un’ora più tardi, avevano un ricordo di lui come un po’ assonnato ma di buon umore, e commentava casualmente con tutti che era una giornata molto bella. Nessuno di loro era sicuro se si riferisse al meteo. Molti concordavano ricordando che era un mattino radioso con una leggera brezza marina che arrivava attraverso i bananeti, come era normale che fosse in quel periodo di febbraio. Ma la maggior parte delle persone era d’accordo sul fatto che fosse un clima infelice, il cielo era torbido e basso e si sentiva un forte odore di acque di fogna, e che nel momento in cui si consumò la disgrazia, cadeva una pioggerella leggera come quella che Santiago aveva visto nel bosco durante il suo sogno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.